Tronos Digital - Distribuzione digitale per artisti ed etichette Home

Gobbule Sassaresi

Gobbule Sassaresi

https://www.youtube.com/watch?v=99Hm86GodQk

La gobbula letta e ascoltata oggi da l’idea di una comunicazione viva e vera come un bisogno e una necessità.
La gobbula è un modo di affrontare la vita, la povertà, il lavoro con dignità e ironia, è un modo di raccontare frammenti di vita quotidiana riportandone l’essenza, il senso, la durezza e la caparbietà che valorizza un popolo di grandi lavoratori.
La gobbula oggi rappresenta il profumo del pane e della terra, la dimensione fiabesca dei bambini che giocando per le vie della città improvvisavano canti che con la loro ironia rendevano vivo e magico il centro storico della città. Si viveva molto il presente e il futuro non era un problema ma un’opportunità perché il niente si trasformava in tutto.
In ogni racconto vi è una grande ricchezza imparagonabile alle nuove tecnologie, seppur avanzate, ma che ne hanno stravolto e spento la semplicità e uno sguardo più attento all’essenza vera delle cose, una ricchezza che in silenzio si è spenta dentro una vita ben diversa, più facile a livello pratico ma più difficile per contenuti, valori, fantasia, cultura e un saper fare che ha perso di autenticità andando a regredire sempre di più nelle generazioni successive per via di un netto cambiamento storico e sociologico .
La gobbula è fonte di un inestimabile patrimonio perché  un albero con il tempo e le stagioni cambia le foglie ma non le radici.
20200615_164318

Archi, Via Decimario

La Gobbula è la Regina della poesia sassarese.

Il contenuto di tali componimenti, rigorosamente in dialetto sassarese, era principalmente di buon augurio, ma dato lo spirito tipicamente sassarese non mancava la giusta dose di ironia e sarcasmo, da cogliere in un testo all’apparenza privo di senso, come nella maggior parte delle filastrocche popolari.

Una delle gobbule più famose, quella riservata alla sera dell’Epifania, è quella intitolata A cantemmu a li Tre Re ovvero Cantiamo ai Tre Re Magi  “parenti stretti”, linguisticamente parlando, dei Tres Reis spagnoli, popolo dominatore dal quale la città di Sassari ha assorbito influenze nel dialetto, mescolandole alle radici toscane e corse ed a quelle liguri.

A cantemmu a li Tre Re                                              Cantiamo ai Tre Re
Deu zi dia dugna bè                                                     Dio ci mandi ogni bene
Cantu n’ha auddu minnannu                                      Quanto ne ha avuto mio nonno
Eddu era cozzu e lagnu                                               Lui era povero e magro
Bibia brodu di nappa                                                  Beveva brodo di rape
Marandadda la sò cappa                                            Mal ridotta la sua cappa
Mar’e peggiu lu sumbreri                                           Assai più il suo cappello
Lu babbu sottu a Figheri                                            Il babbo servo di Figheri
La mamma sijvidora                                                   La mamma domestica
La figliora era signora                                                La figlia una gran dama
La purthaba a ipassiggià                                            La portava a passeggio
Li puniani li bozi                                                         La prendevano in giro
Dédizi carigga e nozi                                                  Date fichi secchi e noci
E prunardha si vi n’ha                                               Prugne secche se ne hai
E prunaldha si vi n’è                                                  Prugne secche se ce n’è
A cantemmu a li Tre Re                                             Cantiamo ai Tre Re

Fonte: https://www.14bnb.it/le-gobbule-sassaresi/

https://www.youtube.com/watch?time_continue=5&v=_6CFqtWWX9o&feature=emb_title

Nel sassarese la Gobbula assume la forma di composizione satirico-augurale e si presenta come una recitazione a carattere iterativo tra un parlante e un coro di voci maschili, femminili o miste, oppure come un canto monodico maschile con l’accompagnamento di tamburello basco chiamato Trimpanu. https:// www. reteitalianaculturapopolare. org/archivio-partecipato/item/ 2787-la-gobbula-sassarese- nella-tradizione-orale-e- scritta.html

La Gobbula è frutto di una ricca attenzione da parte della città nei confronti delle proprie radici culturali con un occhio di riguardo rivolto alla matrice popolare e contadina che rimane nelle tradizioni non ancora cancellate o stravolte da modelli di cultura urbana più evoluti.

La Gobbula è poesia, è augurio, ma anche e soprattutto racconto che rappresenta un ‘autentica forma di trasmissione orale di vicende ispirate a fatti di vita, quotidiana o meno, dove la realtà per ironia si mescola alla fantasia con dialoghi che non tralasciano nessun dettaglio per attirare l’ attenzione più viva di chi ascolta diventando cosi un patrimonio inestimabile che abbraccia le radici linguistiche, culturali, storiche e musicali della città di Sassari.

20200615_164602

Centro storico di Sassari, Vicolo Scala Mala

Canzunetti, Giogghi, Filastrocchi e Gobbuli

TERESA MANNU

Note su Teresa Mannu e su un quaderno ritrovato

Salvator Ruju inizia la raccolta “Sassari véccia e nòba” con la poesia Lu pani fatt’in casa, dedicata a sua mamma, Teresa Mannu. Quando sua madre era già molto anziana, il figlio Salvatore, consapevole dell’importanza di queste significative espressioni della cultura popolare e del forte rischio che andassero disperse, chiese alla mamma di trascrivere in un unico quaderno tutti i testi della tradizione orale di cui era ancora depositaria. Teresa, che era dotata di una straordinaria memoria (e che forse potè anche giovarsi dall’aver conservato alcuni fogli volanti che nell’Ottocento circolavano nella case del popolo), accettò volentieri la proposta, compilando con cura e attenzione il manoscritto che è stato ritrovato qualche anno fa conservato tra le carte del poeta.

Il suo quaderno ha inizio con Lu baddu tondu di Cicciu Mariottu, il giuoco cantato dai bambini durante il giro tondo, non inserito in questo volumetto perché compare già nella raccolta di Gino Bottiglioni . Così come non si è riprodotta la filastrocca che ha come primo verso L’aria è imbugiada, un testo che, secondo quanto riferì il Nurra, veniva cantato dai ragazzi sassaresi quando il cielo si annuvolava. Dei bambini sassaresi parla anche Giuseppe Ferraro (raccolse alla fine dell’Ottocento più di un migliaio di mutos della Sardegna settentrionale e del Nuorese) ricordando che giravano spesso per le vie accompagnando i loro canti “ con sonaglierie di cavalli e battendo tamburelli” . Non a caso anni dopo, quando il Marielli preparò il libro di cultura regionale per le scuole elementari dedicato alla Sardegna, inserì nel suo almanacco popolare anche alcune filastrocche in sassarese. Una parte dei testi compresi nel quaderno di Teresa Mannu venivano infatti probabilmente recitati con cori cantilenanti da gruppetti di pizzinni pizzoni che con la loro simpatica e beffarda ironia vivacizzavano il centro storico cittadino.https://www.salvatorruju.it/wp-content/uploads/2020/02/Nota-su-Teresa-Mannu-in-Sassari.pdf

20200615_164514

Centro Storico di Sassari, Via Decimario

La  comitiva dei questuanti spesso concludeva la Gobbula con una strofetta nonsense accompagnata da rudimentali “strumenti”, come una coppia di cucchiai usati come nacchere, due coperchi battuti come piatti di banda, talvolta un organetto a bocca. E’ un caso di “musica selvaggia”, secondo una definizione dei rumori e dei suoni abbinati a rituali collettivi particolarmente festaioli, come i cortei di Carnevale e le “serenate” fatte per le nuove nozze di due vedovi. Il testo della strofetta è il seguente: Mamma tutirù e tutà/ Di mezzu rià, di mezzu rià. ( Per rià si intendeva “un soldo”, comunque il valore monetario più piccolo)

Le voci di Sassari. Gobbule e altri canti (A cura di Pietro Sassu) ℗ Nota

Lu Manzanu chizu chizu                   La mattina presto presto

Senza mancu iscì lu soli                    Prima che sorga il sole

Lu pobaru zappadori                         Il povero zappatore

S’avvia a lu sò disthinu                     Si avvia al suo destino

Una zucchita di vinu                         Una zucca col vino

Un pani e una mela                           Un pane e una mela

Si piglia la sò griviera                      Porta la sua gruviera

Dui soldha di rigottu                        Due soldi di ricotta

Fattu fattu e a trottu                         Dietro di lui al trotto

Già s’ avvia lu cucciuceddu            S’incammina il cagnolino

Eddu cun l’occi bassi                      Lui con gli occhi bassi

Paga li tassi                                       Paga le tasse

E lu cani si n’ affutti                       E il cane se ne frega

 

Mamma mi zi passu in l’ orthu              Mamma passo per l’ orto

Si lu veggu da luntanu                           Se lo vedo da lontano

Si mi vedi l’ urthulanu                           Se mi vede l’ ortolano

Mi zi passu lizi lizi                                 Passo lungo il confine

Sicundi lu chi mi dizi                            Secondo ciò che dice

Zi lu mandu in bon’ ora                        Lo mando alla buonora

Fozia acciarà la figliora                       Faccia affacciare sua figlia

Aggiu di dilli dui parauli                      Devo dirle due parole

in casa v’ aggiu li tauri                         In casa ho i tarli

 

A Z’ent’anni li padroni                           Cen’ anni ai padroni(di casa)

Si zi dassedi cantà                                   Se ci lasciate cantare

Un pattu vi vogliu fà                               Un patto voglio fare

Non ni vogliu inscì in gherra                 Per evitare una guerra

Noi andemmu  terra terra                     Noi procediamo terra-terra

Che li cristhiani vibi                               Come vive ogni cristiano

Tanti inoghi e tanti inchibi                     Uno qua uno la

Faba non non ni li vuremmu                 Fave non ne vogliamo

Tutti li dinà chi femmu                         I soldi che procuriamo

Li pinimmu a occi a sori                     Li asciughiamo al sole

Cariga di bon saori                              Fichi secchi saporiti

Dedizinni in cantidai                            Dateci in quantità

Un piattu a li leccai                             Un piatto ai lacchè

A li chi ponini fattu                            A quelli che si aggregano

A noi un bon piattu                            E a noi un buon piatto

Di chissa cariga bona                        Dei fichi secchi migliori

A zent’ anni la padrona                     Cent’anni alla padrona.

 

https://www.youtube.com/watch?v=kc3P50iRHzw

https://www.youtube.com/watch?v=uXrvZTwJTdI&feature=emb_title

https://www.youtube.com/watch?v=e7AuvUnjMIk&feature=emb_title

https://www.youtube.com/watch?v=L0nsVxm2oz4&list=OLAK5uy_kHk5dIz0LdTAG2YEPwIQUfEUoObVBWmGA&index=12

 

19 giugno 2020 Senza categoria

Eventi