Tronos Digital - Distribuzione digitale per artisti ed etichette Home

Janas

Janas

Biography

I Janas (pron. Gianas), sono una delle band più amate nel panorama del pop etnico e della canzone d’autore in Sardegna e si collocano all’interno di quel genere musicale che mette insieme la migliore lezione del pop-rock di matrice anglosassone con le tradizioni popolari dell’isola.

All’interno di questo contesto i Janas sono interpreti originali e ben individuabili per la qualità delle otto voci maschili, forgiate nella forma del canto a tenore “su cuntrattu” di Seneghe, paese del Montiferru da cui tutti i componenti del gruppo provengono e a cui sono legatissimi.

Il gruppo, composto da 7 voci maschili, nasce nel 1992 e dopo due anni cominciano le esperienze artistiche importanti: da un tour con i Tazenda, alla partecipazione alla prestigiosa trasmissione televisiva di Red Ronnie “Roxy Bar”, al Festival Internazionale di Sant’Anna Arresi “ai confini tra Sardegna e Jazz” al fianco di artisti prestigiosi come Dee Dee Bridgewater, Chick Corea e Max Roach.

La registrazione di uno spot pubblicitario nel 1997, con Marina Suma (regia di Luciano Emmer), trasmesso nelle reti Mediaset (Canale 5, Rete4, Italia1), è un altro importante traguardo del gruppo. Contemporaneamente continuano sempre più numerose, le esibizioni nelle piazze dell’isola dove i Janas hanno modo di instaurare un ottimo rapporto di affetto e stima col pubblico, dovuto alla sentita interpretazione della musica tradizionale sapientemente miscelata a ritmi e suoni più moderni, senza mai tradire le proprie radici (semmai valorizzandole e rendendole ancora attuali).

Numerosi anche i riconoscimenti ufficiali; 2° posto al concorso regionale “Musicamistade Mialinu Pira” di Bitti nel 1997, 3° posto al concorso regionale, sezione etnica “Una città per cantare” a Olbia nel 1998. Nello stesso anno vincono il 1° Festival della Canzone Sarda a Sestu con il brano “sa Reiulta”, successo che viene ripetuto nel 2000 con la canzone “Sardus Pater”.

Nel 2002 partecipano al “I-TIM-TOUR” vincendo la selezione regionale e qualificandosi alla finale nazionale tenutasi a Palermo. Lo stesso anno sono protagonisti della sigla del programma “Sardegna Canta” in onda su Videolina con il brano “Biskisende”.

Il 2004 li vede protagonisti della sigla di apertura del programma “Buonasera Sardegna” in onda su Sardegna Uno con la canzone “Baiana”. Lo stesso anno ricevono a Siligo il premio “Maria Carta”, assegnato dal Comitato Scientifico della “Fondazione Maria Carta”.

Otto i lavori discografici pubblicati: “SU CARRU DE NONNAI” (1994), “JANAS” (1999) e “BILLERA” (2002).

Una compilation di questi tre albums è il quarto lavoro del gruppo pubblicato dal quotidiano “L’Unione Sarda” nella collana “La biblioteca dell’identità” nel 2004.

Nel 2004 vedono la luce anche le ultime due produzioni del gruppo “BAIANA” e “GENNA MAIA”. In essi, come è ormai nella tradizione musicale dei Janas, la forza delle voci maschili, che caratterizza l’anima espressiva del gruppo e il suono degli strumenti musicali della tradizione sarda e non, riescono a creare e a far vivere in chi ascolta l’atmosfera magica di una terra antica come la Sardegna.

Nel 2007 il gruppo produce un album speciale con le versioni remix, dei vecchi successi, realizzato dal DJ Giangi Cappai.

Nel 2010 il nuovo disco “Impùndulu” che rappresenta una tappa innovativa nel percorso del gruppo, per il sound decisamente più elettrico, che tuttavia non si sovrappone alla caratteristica dominante che rimane il canto delle otto voci armonizzate.

I Janas sono coinvolti sia come interpreti, sia come autori dei testi e delle musiche, ma per questa produzione hanno convocato anche altri artisti, tra i più noti nel mondo della canzone isolana: i due “Tazenda” Gino Marielli e Beppe Dettori; Antonio Lotta, già componente del gruppo dei Janas; il cantautore Soleandro e Massimo Cossu, che oltre all’apporto come musicista, firma anche gli arrangiamenti e la produzione artistica.

“Impùndulu”, già lanciato come singolo nei mesi scorsi, e “Istella isperdida”, tutte firmate da Pietro Crobe per i testi e Dario Lotta per le musiche.

Sempre di Dario la musica del quarto brano, “Bisu”, con testo di Antonio Lotta, che è stato tra i fondatori del gruppo e ne ha condiviso il percorso per quindici anni. Il quinto brano è “Terra di me”, scritto da Gino Marielli dei Tazenda appositamente per questo disco dei Janas. Ancora un brano originale con “Miradas”, composto da Salvatore Mancosu insieme a Pietro Crobe e Dario Lotta, mentre nella settima traccia troviamo l’unica cover del disco, “Fiore di carta”, una nota canzone di Peppino Di Capri, che a sua volta riprende l’originale “How deep is your love”.

Non poteva mancare la tradizione rivisitata nello stile dei Janas: un testo del grande poeta Peppino Mereu, “S’isveglia”, dà luogo ad una canzone dal ritmo serrato e danzante. Concludono la scaletta “Africa”, ancora una composizione di Pietro Crobe e Dario Lotta, e infine “Sole nieddu”, canzone composta da Soleandro, altro artista sardo che ha voluto dare il suo contributo a quest’opera.

I Janas sono: Mondo Trogu, Dario Lotta, Pietro Crobe, Tanino Mancosu, Neil Lotta, Tore Mancosu e Sebastiano Cubeddu.

La loro è, infatti, una storia di amicizia vissuta attraverso la passione per la musica e la danza. Chi ha assistito ad un loro concerto conosce l’energia e le pulsazioni del ballo che i Janas sono in grado di trasmettere dal palco al loro pubblico, forti della loro esperienza ormai pressoché ventennale di spettacoli dal vivo.

Booking

Agency: Tronos


The artist

Nationality: Italia

Resident in: Italia