Tronos Digital - Distribuzione digitale per artisti ed etichette Home

Natale in Sardegna

Natale in Sardegna

Il Natale in Sardegna, tra musica, antiche tradizioni pagane e mistiche, eredita l’ aspetto più importante nel valore simbolico della nascita di Gesù Cristo diventando il periodo tra i più sentiti dell’ isola, da leggende popolari a rituali religiosi.

Pasca de Nadale viene chiamata al centro-nord dell’ isola e Paschixedda al sud rappresentando il momento dell’ unione famigliare più antico e significativo. La vigilia di Natale, nella tradizione campidanese, è definita “Sa nott’ è xena”,notte calda, non solo per il tepore del camino, ma soprattutto per il calore dello stare insieme, uniti, che nella sera del 24 dicembre si trasformava in un momento magico. Notte che vedeva diverse famiglie in casa del più anziano, occasione speciale, vissuta consolidando gli affetti più cari, raccontando e cantando poesie e fiabe ai bambini che gioiosamente vivevano un cosi atteso momento di festa.

Un gioco di luci, profumi e colori dipingono tutta l’ isola con suoni e melodie che richiamano ancora oggi l’ anima di una festa recitata e cantata con brani suggestivi che vivono nella memoria e nel tempo, riproposte ogni anno in tutto il periodo prenatalizio da adulti e bambini.

Notte de chelu è una tra le canzoni natalizie in lingua sarda più conosciute e cantate, composta dal poeta Pietro Casu nel 1927, in occasione della novena di Natale.

 

Notte de Chelu

Notte de chelu est custa, dogni sinu
de allegria si sentit bundare,
ca in sa grutta est nadu su Bambinu
dae s’inferru pro nos liberare.
Est nadu, est nadu, est nadu su Bambinu.
‘Enide, ‘enide totus a l’ammirare,
‘enide a l’adorare,
‘enide a l’adorare, a l’amare.
Isse at lassadu su chelu lughente
e bénnid’est a sa grutta a penare,
che fizicheddu de pòbera zente
e fit su fizu de su Re divinu.
Est nadu, est nadu…
Subra sa paza l’an collocadu
ca non b’aiat lacu a reposare,
ma sos Anghelos l’an acortegiadu
tra sas istellas fathende caminu.
Est nadu, est nadu…
Pustis sun sos pastores acudidos
che poberitos a lu saludare
e tra lughe de chelu si sun bidos
e totu an bid’oro in su terrinu.
Est nadu, est nadu…
Pannos no at sa Mama a lu ‘estire,
ma sa lughe l’at cherfid’ammantare:
no at prendas ne oro a si frunire,
ma at tot’astros e mundu in destinu.
Est nadu, est nadu…

 

 

https://www.youtube.com/watch?v=cu1F4iw90PA&t=367s

https://www.youtube.com/watch?v=TuP3wImfAT0

https://www.youtube.com/watch?v=ijgl5p1r0gM

https://www.youtube.com/watch?v=vBjN_s6gYxg

https://www.youtube.com/watch?v=SWoufbqGD18

https://www.youtube.com/watch?v=XhytXuoVuC4&feature=emb_title

https://www.youtube.com/watch?v=xeqyT6l2o2s&feature=emb_title

https://www.youtube.com/watch?v=VRUB8WgO1Lk&feature=emb_title

7 dicembre 2020 Senza categoria